Anche se sono insetti sociali dal comportamento molto complesso, le api non pensano. Eseguono azioni e attività in modo meccanico, seguendo delle istruzioni insite nel loro essere.

In linquaggio informatico e semplificando, è come se le api seguissero una subroutine fino ad uno stop, dopodiché iniziano a seguire la subroutine successiva innescata o meno da stimoli esterni.

lizaveta

lizaveta:

formedivita:

Gli orologi biologici degli organismi viventi devono essere termocompensati. In caso contrario, il periodo del ciclo (dipendente dalla velocità delle reazioni biochimiche) si accorcerebbe con l’aumento della temperatura corporea e si allungherebbe con la sua diminuzione.

Lizaveta: una donna in menopausa, quindi, con la termocompensazione  completamente sconquassata, a che ora è arrivata sul suo orologio biologico? :)

;-) A parte la battuta, credo che, nel caso della menopausa, sia la termoregolazione ad essere temporaneamente compromessa. I meccanismi termocompensativi che riguardano gli orologi biologici sono un’altra cosa. Comunque, non sono un medico e non posso dire molto in merito.

noneun

noneun:

formedivita:

In apparente controtendenza con il resto dell’universo, la vita crea un ordine temporaneo ed in ciò si differenzia nettamente da tutto ciò che la circonda.

A parte la cristallizzazione (su piccola scala) e il campo gravitazionale (su larga scala).

È vero. E mi vengono in mente altri esempi di ordine non legati al fenomeno vita. La natura ondulatoria di una parte dell’energia, la disposizone spontanea a strati sovrapposti dei fluidi a diversa densità, le onde del mare, la struttura simmetrica di un quasar.

Ma allora, complessità a parte, la differenza fra vita e non-vita qual è (ammesso che, in fondo, ce ne sia una)?

Forse la vita, grazie all’informazione che contiene in sé, è un fenomeno in grado, entro certi limiti, di creare un ordine in modo autonomo anche dove le condizioni fisiche non porterebbero (passivamente) all’organizzazione ordinata della materia.

E poi mi viene in mente un’altra considerazione: l’ordine cos’è? Può darsi che l’ordine sia una qualità, una caratteristica che percepisce solo il nostro cervello e che distinguiamo solo noi esseri pensanti. In fondo, nell’universo, ordine e non-ordine sono la stessa cosa e la loro distinzione è irrilevante.